È MORTO ALDO FALCIGLIA, UN PARACADUTISTA SINCERO, COLMO DI VALORI E CULTURA STORICA, CI HA LASCIATO IERI SERA A SARONNO.

Saronno, venerdì 21 giugno 2019, colto da un infarto ci ha lasciato il paracadutista Aldo Falciglia.

Un uomo che sapeva a chi tendere la mano, sempre disponibile, critico e diretto, ma sempre equilibrato.

Da sempre nel mondo del paracadutismo era divenuto un punto di riferimento per l’A.N.P.d’I. ma soprattutto per molti soci e presidenti che a lui chiedevano consigli per le questioni tecniche e burocratiche che ormai non tutti riescivano a comprendere.

Ha avuto probabilmente (sicuramente) anche qualche nemico nell’associazione, proprio per il suo modo di NON prestarsi a giochi di potere interni e per questo mi diceva sempre: “… caro amico mio, tanti nemici, tanto onore!” e poi ci ridevamo su.

In ANPd’I ha ricoperto diverse cariche negli anni, da Consigliere, a Presidente di Sezione, a Consigliere Nazionale, fino a Direttore della rivista Folgore.

Era molto preparato ed ha tenuto molte conferenze e dibattiti sulla battaglia di El ALAMEIN, era un attivo parà FV e TCL come anche un Sub molto esperto.

Io personalmente ho avuto modo di conoscerlo nel 2010 e successivamente é stato per me un punto di riferimento, insieme abbiamo condiviso e strategicamente studiato il modo per trasformare il nostro Nucleo Comunale in Sezione, lui solo sa quanto abbiamo patito noi parà Cisternesi, ma ci è stato sempre vicino, ci ha preso per mano portandoci fino a dama!

Ricordo una sera a Sanremo per l’assemblea Nazionale dopo la cena, lui è un gruppetto di parà seduti fuori al cortile del Soggiorno militare, iniziarono a intonare i nostri canti, io non potei esimermi dal restare ad ammirarli e unirmi a loro per qualche strofa.

Aldo Falciglia per me è stato tutto il buono che ho trovato in Associazione e che ahimè non so quando e dove potrò ritrovarlo…

Il tuo cuore ha ceduto, non ha retto, ma la tua memoria sarà indelebile per coloro che ti hanno conosciuto e apprezzato, NON SEI STATO UN PASSANTE INDIFFERENTE CHE PRESTO VIENE DIMENTICATO, tu hai lasciato le orme e noi cercheremo di seguirle e di onorare la tua memoria.

Grazie Aldo!

Pierluigi Ianiri

Comments are closed.